Crea sito

Polemiche a Napoli, Carlo Alvino sotto accusa

Polemiche a Napoli, Carlo Alvino sotto accusa.

E’ polemica a Napoli.

images-3

 I tifosi napoletani dovranno fare a meno della telecronaca condotta dal telecronista di Sky, Carlo Alvino.
Sky ha, infatti, deciso di sospendere la telecronaca del tifoso.
Il motivo di tale decisione viene commentato dallo stesso telecronista che, sul suo profilo twitter, scrive: “Scusatemi, vi devo una spiegazione sulla mancata telecronaca. L’azienda sta facendo le sue giuste valutazioni”.
Tutto ha inizio il giorno 11 luglio, quando il giornalista televisivo Carlo Alvino, noto tifoso del Napoli, durante un collegamento telefonico a Tv Luna (in diretta da Dimaro, dove solitamente si ritira la squadra Napoletana), rivolge delle frasi offensive ad un tifoso probabilmente juventino.

Questo è quanto accade: arriva una telefonata in diretta. La persona al telefono esordisce dicendo  “Volevo fare una domanda al signor Alvino”. Il giornalista gli da la parola, lasciando che l’interlocutore esponga la sua domanda. A quel punto la persona al telefono inizia dicendo: “Signor Alvino lei vuole vincere…” ma non fa in tempo a finire che il telecronista interrompe tutto, salutando la persona. Dice di tutta fretta: “Buona giornata, arrivederci. Non ho bisogno di parlare con lei. Arrivederci. Fate cadere subito la linea. Buona giornata.”

A quel punto commenta la breve telefonata con l’altro cronista, che chiede chi possa essere stato a telefonare. Alvino risponde ” Era sicuramente un non colorato. Uno affetto da questa gavissima patologia. Chi è affetto da questa patologia ha una sola strada: morte lenta ma sicura”.

Poi continua rivolgendosi alla persona che ha chiamato: “Sei pregato di non telefonare più. Sei pregato di guardarti i tuoi canali.”

L’episodio non passa inosservato e subito i tufosi juventini, su un sito, lanciano la petizione a Sky che vengano interrotti tutti i rapporti professionali con il cronista.

I tifosi azzurri, invece, lanciano un hastag per chiedere il ritorno di Alvino.